PRECARIATO SUGLI SCHERMI

Una commedia drammatica sul precariato nel lavoro. E’ questo, in sintesi, il messaggio lanciato dal film di Massimiliano Bruno, Gli ultimi saranno ultimi, da giovedì nei cinema. Paola Cortellesi si cala nei panni di un’operaia precaria, Luciana, innamorata del marito Stefano (Alessandro Gassmann) nonostante sia nullafacente. La donna, che lavora in una fabbrica di parrucche, quando perde il posto di lavoro, perchè l’azienda viene a sapere che è rimasta incinta, vede il suo mondo crollare. E si ritrova con una pistola in mano a minacciare i capi dell’azienda.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

OCSE, CALA DISOCCUPAZIONE

Il tasso di disoccupazione nell’area Ocse è sceso di 0,1 punti percentuali ad ottobre, attestandosi al 6,6% rispetto a settembre, e di 1,5 punti percentuali rispetto al top di gennaio

DELIVEROO ASSUME

La catena Deliveroo è presente in diversi paesi del mondo come Europa, Singapore, Hong Kong, Australia e negli Emirati Arabi Uniti; in ogni sede ci sono sempre almeno 200 posizioni

LAVORO MINORILE

Sono 260 mila i piccoli baristi, parrucchieri, ma anche braccianti agricoli e manovali. Sono italiani che hanno meno di 16 anni e si guadagnano da vivere: 30 mila sono a

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento