Sono un dirigente di una azienda privata. Vorrei prendere una badante per i miei genitori con il lavoro accessorio. Ho il limite dei 2.000 euro annui?

Sono un dirigente di una azienda privata. Vorrei prendere una badante per i miei genitori con il lavoro accessorio. Ho il limite dei 2.000 euro annui?
image_pdfimage_print

No, in qualità di soggetto privato (famiglia), il suo limite di compenso, che può dare alla lavoratrice badante, è pari a 7.000 euro netti nel corso dell’anno civile che va dal 1° gennaio al 31 dicembre (lordo € 9.333)

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nella mia azienda è in atto un distacco di un lavoratore da parte di un’altra azienda del gruppo. Posso applicare una sanzione disciplinare in questa fase?

  No, durante il distacco i poteri, in capo al lavoratore, si scindono. I poteri organizzativi e direttivi passano in capo all’utilizzatore (distaccatario), il potere disciplinare resta in capo al

Una agenzia di somministrazione Rumena mi propone manodopera straniera a prezzi molto più bassi rispetto alle agenzie italiane. Ci sono problemi se stipulo un contratto di somministrazione con loro?

Valuti con attenzione quanto prospettato dall’ agenzia per lavoro Rumena, in quanto lo stesso Ministero del Lavoro, con la recente circolare n. 14/2015, che la invito a leggere, ha evidenziato

Assunzione a termine per ditte fino a 5 dipendenti

Domanda : Buongiorno, leggendo il DL 34/2014, avevo capito che rimaneva salvo i casi dell’art. 10 comma 7 dove si prevedeva le disposizioni dei contratti collettivi di lavoro per il numero

3 Commenti

  1. Roberto Camera
    novembre 09, 08:16 Reply

    Le Onlus hanno finalità esclusivamente di solidarietà sociale (D.L.vo n.460/97); mentre è imprenditore colui che esercita professionalmente un’attività economica finalizzata alla produzione e allo scambio di beni o servizi (art.2082). Per questo motivo, ritengo che il limite economico del lavoro accessorio sia di 7.000 euro.
    Detto ciò, l’Inps non è intervenuta a dirimere la questione, per cui è il caso di chiedere una interpretazione autentica proprio all’Istituto deputato al controllo dei voucher.

  2. Francesca Colecchia
    novembre 06, 19:39 Reply

    e se il committente fosse invece una associazione senza scopo di lucro, non iscritta nel Registro imprese ma iscritta al REA in quanto svolge – in misura accessoria – anche attività fiscalmente rilevanti ?

Lascia un commento