Sono un dirigente di una azienda privata. Vorrei prendere una badante per i miei genitori con il lavoro accessorio. Ho il limite dei 2.000 euro annui?

Sono un dirigente di una azienda privata. Vorrei prendere una badante per i miei genitori con il lavoro accessorio. Ho il limite dei 2.000 euro annui?
image_pdfimage_print

No, in qualità di soggetto privato (famiglia), il suo limite di compenso, che può dare alla lavoratrice badante, è pari a 7.000 euro netti nel corso dell’anno civile che va dal 1° gennaio al 31 dicembre (lordo € 9.333)

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 452 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Con il Ccnl Metalmeccanica industria, è possibile cedere 40 ore di ferie ad un collega per assistere il figlio?

  Ad oggi non è possibile applicare quanto previsto dall’art. 24 del D.L.vo 151/2015 sulla cessione delle ferie. Ciò in quanto la norma stabilisce che le modalità di cessione delle

Ci sono limiti di conservazione delle immagini provenienti da telecamere aziendali?

La disciplina sulla privacy stabilisce che la conservazione delle informazioni non deve  superare il periodo di tempo necessario agli scopi per le quali sono state raccolte o successivamente trattate. In

Stiamo valutando l’assunzione di una persona italiana che lavora all’etero. Volevamo capire se possiamo godere di una agevolazione contributiva o fiscale in quanto offriamo un lavoro in Italia ad un cittadino italiano che al momento lavoro all’estero.

L’ agevolazione a cui, credo, Lei faccia riferimento è quella relativa al rientro dei c.d. “cervelli” e cioè una agevolazione fiscale prevista sino al 31 dicembre 2015 per favorire il

3 Commenti

  1. Roberto Camera
    novembre 09, 08:16 Reply

    Le Onlus hanno finalità esclusivamente di solidarietà sociale (D.L.vo n.460/97); mentre è imprenditore colui che esercita professionalmente un’attività economica finalizzata alla produzione e allo scambio di beni o servizi (art.2082). Per questo motivo, ritengo che il limite economico del lavoro accessorio sia di 7.000 euro.
    Detto ciò, l’Inps non è intervenuta a dirimere la questione, per cui è il caso di chiedere una interpretazione autentica proprio all’Istituto deputato al controllo dei voucher.

  2. Francesca Colecchia
    novembre 06, 19:39 Reply

    e se il committente fosse invece una associazione senza scopo di lucro, non iscritta nel Registro imprese ma iscritta al REA in quanto svolge – in misura accessoria – anche attività fiscalmente rilevanti ?

Lascia un commento