DRAGHI AI GIOVANI

image_pdfimage_print

Il numero inaccettabile dei disoccupati, tra cui molti, troppi sono giovani, è stato il prezzo pagato per la lunga recessione. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, all’Università Cattolica. “La vita adulta degli studenti è stata segnata da una crisi finanziaria globale di una dimensione che molte generazioni, più fortunate, non hanno mai dovuto sperimentare – ha aggiunto – Una crisi economica europea durata troppo, da cui stiamo solo ora gradualmente emergendo”.

 

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FILIPPO PAVAN BERNACCHI CONFERMATO PRESIDENTE FEDERAUTO

Filippo Pavan Bernacchi è stato confermato oggi alla presidenza di Federauto, la federazione che rappresenta i concessionari di tutti i brand commercializzati in Italia di auto, veicoli commerciali, veicoli industriali

LA FORMAZIONE BILATERALE SOSTIENE L'INDUSTRIA 4.0

La formazione bilaterale sostiene l’industria 4.0. Un aumento medio del fatturato del 2,5%, 130 nuovi assunti in 51 imprese. Sono i risultati ottenuti da aziende italiane del settore metalmeccanico che

CONSULENTI DEL LAVORO A POLETTI, CORREGGERE PROCEDURA DIMISSIONI ON LINE

Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro ha inviato una lettera al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, per chiedere di riconsiderare la portata delle nuove norme sulle dimissioni on

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento