MONTEFIBRE: 500 A RISCHIO

Il fallimento del piano di rilancio dell’ex Montefibre rischia di lasciare a casa oltre 500 lavoratori, danneggiando così un territorio dove già le prospettive lavorative sono complicate. Il deputato napoletano Marco Di Lello ha presentato un’interrogazione ai ministri dello Sviluppo e del Lavoro, chiedendo loro “cosa intendano fare per evitare i rischi ai quali sono esposti centinaia di lavoratori e relative famiglie, scongiurando l’ennesima chiusura di sedi produttive che fanno capo a società multinazionali al Sud”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BANCA INTESA SANPAOLO: LAVORO E STAGE RETRIBUITI

Intesa Sanpaolo assume nuovo Personale in varie Regioni italiane. Il Gruppo nasce nel gennaio 2007 dalla fusione di due grandi realtà bancarie italiane Banca Intesa e Sanpaolo IMI. Oggi offre

SOCIAL NETWORK E LAVORO

In forte aumento l’uso dei social network per cercare lavoro e candidati. Oggi, d’altro canto, anche le attività di ricerca di profili professionali da parte dei recruiter si svolgono per

TASSE SU LAVORO

Se l’obiettivo è quello di ridurre la tassazione sul lavoro, riequilibri di bilancio favorevoli alla crescita potrebbero  prevedere tale abbassamento delle imposte. Il recupero di risorse per lo Stato avverrebbe

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento