L’IMPRESA CREA LAVORO

image_pdfimage_print

 “L’Italia deve restare un grande Paese manifatturiero”: parola del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti. Secondo l’esponente governativo, bisogna continuare a investire nella manifattura, magari innovandola, ma senza abbandonarla, in quanto è indispensabile che le imprese che ci sono crescano e che quelle che non ci sono nascano per produrre ulteriore sviluppo economico e nuova occupazione. “L’impresa – conclude Poletti – è un’infrastruttura sociale fondamentale”.

 

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

OCCUPATI + 247 MILA

Nel terzo trimestre dell’anno il numero degli occupati aumenta di 247mila unità (+1,1%) rispetto allo stesso periodo del 2014. È quanto emerge dal report Istat. Oltre la metà della crescita

IMPEGNO PER IL LAVORO

Nei paesi del G20 il tasso di disoccupazione dei giovani che rischiano di rimanere permanentemente fuori dal mercato del lavoro deve essere tagliato da qui ai prossimi 10 anni del

Inps: nel 2015 114,9 mln di voucher

Nel 2015 risultano venduti 114.921.574 voucher destinati al pagamento delle prestazioni di lavoro accessorio, del valore nominale di 10 euro, con un incremento medio nazionale, rispetto al corrispondente periodo del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento