LAVORO ALTERNATIVO

Venerdi 6 novembre approda a Montecitorio un’esperienza di condivisione e baratto nell’area industriale di Genova, dove sta nascendo un orto collettivo, gestito da 300 persone. Quando il terreno sarà ripulito, sarà l’orto collettivo più grande d’Europa. Da 5 mesi ci lavorano 60 persone, tra agricoltori, allevatori, un medico e un’insegnante. La gestione avviene col principio del baratto: tante ore di lavoro, tanta verdura e gli scambi regolati da una moneta cartacea alternativa, stile “Monopoli”, che si chiama Scec.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Emanuele Imperiali

A cura di : Emanuele Imperiali

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)