PASSERA, JOB ACT E’ FALLITO

Il Jobs Act è stato un errore totale, parola di Corrado Passera, ex ministro dello Sviluppo economico e presidente di Italia Unica. “Ci è costato – spiega – venti miliardi di incentivi per creare al massimo 100 mila posti di lavoro”. Secondo l’economista, i dati sulla disoccupazione non sono positivi, perchè aumentano gli inoccupati. “Invece di spendere così questi soldi pazzeschi -conclude – li potremmo destinare ai giovani, all’apprendistato, ai contratti di produttività”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

MINISTERO LAVORO: NEL 2015 5.000 ISPEZIONI IN PIÙ RISPETTO AL 2014

Aumento del numero delle ispezioni, affinamento dell’attività di intelligence, crescita del tasso di irregolarità, rafforzamento della lotta al caporalato. Sono queste le principali evidenze che emergono dai risultati dell’attività ispettiva

GARANZIA GIOVANI: DATI AGGIORNATI

Prosegue la crescita del numero dei giovani presi in carico, e di quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta, tra quelle previste dal programma Garanzia giovani: sono

RICHARD GINORI: OPPORTUNITÀ DI STAGE

Richard Ginori, azienda di eccellenza in Italia e nel mondo nell’alta manifattura artistica della porcellana, offre opportunità di stage per Ufficio Acquisti, Area Produzione e Programmazione e Assistente Direttore Commerciale

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento