UIL: “GOVERNO PEGGIOR DATORE DI LAVORO”

“Se neanche questa volta rispondono, allora si darà una spallata”: parole ferme quelle del segretario della Uil, Barbagallo, all’indomani dell’annuncio della mobilitazione, indetta dalle federazioni di categoria del pubblico impiego, a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto di lavoro. “Perchè – spiega il sindacalista – se non si siedono per fare un contratto, invece di dare caramelle, avranno le risposte che meritano”. Per Barbagallo, il Governo deve smetterla di essere il peggior datore di lavoro, pur auspicando di non dover fare scioperi perché costano.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

STUDENTI IN FABBRICA

Domani ci sarà in tutt’Italia il Pmi day, giornata nazionale che apre agli studenti le piccole e medie imprese di Confindustria, per visite aziendali e incontri. Record di partecipazione per

ANZIANI, 3,2 MILIONI LAVORANO

Molti anziani in Italia ancora lavorano. E non solo per disporre di una quota di reddito aggiuntiva. Sono 3,2 milioni quelli che già lavorano regolarmente o di tanto in tanto.

Promuoviamo insieme Garanzia Giovani e le Politiche Attive del Lavoro

Se sei un Consulente per il Lavoro collabora con Generazione Vincente per promuovere l’occupazione.   I nostri Esperti in Servizi per il Lavoro ti illustreranno tutte le opportunità offerte da Garanzia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento