CONTRATTAZIONE, LE TESI DELLA UIL

La Uil condivide le tesi espresse dai vertici di Confindustria e Assolombarda sul rinnovo della contrattazione nazionale. Barbagallo ribadisce che i sindacati hanno proposto aumenti anche di produttività legandoli alla detassazione dei premi di rendimento. “Ha ragione Squinzi – sottolinea il leader Uil – non possiamo legare la ripresa soltanto alle esportazioni, il 75% delle nostre imprese lavora per il mercato interno. Altrimenti  mancano le risorse per comprare ciò che noi stessi produciamo e non c’è ripresa”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INAIL, ON LINE NUOVA VERSIONE 'COMUNICAZIONE MEDICO COMPETENTE'

E’ on line nuova versione del servizio Inail ‘Comunicazione medico competente’. Procede, da parte dell’Inail, infatti, la realizzazione degli interventi di rivisitazione dei servizi per l’utenza all’insegna della semplicità e

TERESA BELLANOVA È VICEMINISTRO ALLO SVILUPPO ECONOMICO

Il Cdm svoltosi ieri sera ha nominato i sottosegretari che ancora mancavano nella squadra del governo Renzi: undici tra sottosegretari e viceministri e un nuovo ministro, Enrico Costa (Area Popolare)

LAVORO IN MOBILITA’

Agli italiani piace il lavoro in mobilità. Il 70% degli intervistati si dichiara disposto ad aumentare il numero di ore di lavoro settimanali fino a cinque in più, pur di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento