CONTRATTAZIONE, LE TESI DELLA UIL

La Uil condivide le tesi espresse dai vertici di Confindustria e Assolombarda sul rinnovo della contrattazione nazionale. Barbagallo ribadisce che i sindacati hanno proposto aumenti anche di produttività legandoli alla detassazione dei premi di rendimento. “Ha ragione Squinzi – sottolinea il leader Uil – non possiamo legare la ripresa soltanto alle esportazioni, il 75% delle nostre imprese lavora per il mercato interno. Altrimenti  mancano le risorse per comprare ciò che noi stessi produciamo e non c’è ripresa”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nota di Aggiornamento del Def: previsto un rialzo dell’ 1,5% del Pil

Il consiglio dei ministri ha approvato la nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, il cosiddetto Def. Gli aggiustamenti più evidenti sono: una crescita maggiore di quella preventivata

PA, 20 MILIARDI DI CONSULENZE

In 6 anni di blocco contrattuale nel pubblico impiego, sono stati spesi 20 miliardi per consulenze e incarichi nella Pubblica Amministrazione. Sono dati della Ragioneria dello Stato. È inaccettabile che

UNI: DALLE PROFESSIONI AGLI IMPIANTI GAS

Dalle professioni non regolamentate agli impianti domestici di gas, passando per l’inclusione sociale, sono molti i settori che hanno visto impegnato l’Uni, l’Ente italiano di normazione, nel 2015. Un’attività volta

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento