CONTRATTAZIONE, LE TESI DELLA UIL

image_pdfimage_print

La Uil condivide le tesi espresse dai vertici di Confindustria e Assolombarda sul rinnovo della contrattazione nazionale. Barbagallo ribadisce che i sindacati hanno proposto aumenti anche di produttività legandoli alla detassazione dei premi di rendimento. “Ha ragione Squinzi – sottolinea il leader Uil – non possiamo legare la ripresa soltanto alle esportazioni, il 75% delle nostre imprese lavora per il mercato interno. Altrimenti  mancano le risorse per comprare ciò che noi stessi produciamo e non c’è ripresa”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

AUMENTO DEL LAVORO IN SOMMINISTRAZIONE

A luglio 2015 il monte retributivo dei lavoratori interinali è cresciuto del 23,2% rispetto allo stesso mese del 2014. Lo rivela una nota di Labitalia AdnKronos, secondo la quale la

PAPA SU LAVORO NERO

“Chi accumula ricchezze con sfruttamento, lavoro in nero, contratti ingiusti, è una sanguisuga che rende schiava la gente. Il sangue di chi è sfruttato nel lavoro è un grido di

Evasione delle multinazionali: ecco la riforma Ue

La nuova riforma anti-evasione sul reddito delle società adottata dalla Commissione Ue si baserà su un regime unico uguale per tutti, l’obbligo per le multinazionali di pagare le tasse dove

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento