ITALIA RECORD DI INATTIVI

image_pdfimage_print

L’Italia è il Paese europeo con il più alto numero di disoccupati passati alla condizione di inattività economica, che misura il tasso di popolazione che non cerca lavoro, tra il primo e il secondo trimestre 2015. È quanto rileva Eurostat, che oggi ha pubblicato i dati sui flussi nel mercato del lavoro. In Italia è diventato inattivo il 35,7% dei disoccupati, più del doppio della media Ue che si ferma a 16,8%.E’ la dimostrazione che il tema dell’occupazione resta il nodo centrale della ripresa economica italiana.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

POMIGLIANO: 1.500 IN SOLIDARIETA’

Chiusura collettiva per lo stabilimento Fca di Pomigliano d’Arco dal 23 al 31 dicembre. Lo ha comunicato l’azienda ai sindacati tenendo conto degli attuali ordini di auto disponibili. A ciò

CONFARTIGIANATO FORMAZIONE MIGRANTI

“E’ difficile ipotizzare una ricollocazione degli immigrati nel settore artigianale del mercato del lavoro italiano, meglio pensare a un progetto formativo nella loro terra”. Parola del presidente di Confartigianato, Giorgio

VIGILI DEL FUOCO: CONAPO, IN ARRIVO 593 ASSUNZIONI STRAORDINARIE

“Via libera della quinta commissione bilancio della Camera dei deputati all’assunzione straordinaria di ulteriori 593 vigili del fuoco. Di questi, 193 saranno assunti mediante finanziamento per il 2016 dell’anticipo del

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento