I mestieri senza tempo: imbevuti di tradizione e ricoperti di innovazione

image_pdfimage_print

hrAttingere alla tradizione per portare innovazione; comprendere le trasformazioni della società per interpretare  le nuove esigenze del consumatore.
Obiettivo: tessere intorno al gusto una tela di successo, culturale ed economico.
L’ospitalità, enorme contenitore, raccoglie professioni e figure che rispetto ad altri, vista la peculiarità dell’era contemporanea, sembrano offrire opportunità senza tramonto. Si cercano disperatamente, ma  è difficile trovarli!

Chi sono?

Pizzaioli: la richiesta imperversa! Basti pensare che in Italia si sfornano più di cinque milioni di pizze al giorno e che nelle 63mila pizzerie vengono impiegati circa 100mila addetti..

Panettieri pastai originali:in un anno, se ne chiedono più di 10mila!

Baristi: il mercato ne ha sempre bisogno !

… e  cuochi :per alberghi e  ristoranti. Intorno a loro gravita il settore Hospitality: in tutte le regioni italiane se ne cercano quasi 300mila.

 Lievita l’esigenza di formazione !

 La Scuola italiana pizzaioli è l’unica scuola di pizza certificata. Nasce nel 1988, prima al mondo, opera in tutta Italia ed all’estero con oltre 30 Scuole. I corsi durano 40 ore e comprendono una piccola parte di teoria; si analizzano vari componenti che compongono l’impasto e per il resto… tutta pratica su impasti, manipolazione, farcitura, cottura! Attualmente contano su 31 sedi operative in tutta Italia e in 6 nazioni estere (Canada, Brasile, Usa, Francia, Lussemburgo, Svizzera). La Scuola Italiana Pizzaioli collabora con Regioni, Province, Comuni, Confartigianato e Cescot per organizzare corsi di formazione.
Attiva con diversi corsi in tutta Italia è, anche l’Accademia Pizzaioli, che opera da più di 20 anni nel settore. Il corso dura 40 ore e offre ottime chance lavorative. Le lezioni si dividono in teoria e pratica.
La F.I.P., invece, gestisce corsi di formazione professionale per pizzaioli, in collaborazione o convenzione, con Associazioni di settore, Enti pubblici riconosciuti per  Regioni, Province e Privati. Si prevedono stage presso pizzerie associate. Si assicurano trainer d’eccellenza!!
Anche l’Associazione italiana celiachia è attiva in ambito formativo: propone minicorsi sul “gluten free” (pane, pizza, pasta) Un modo utile per andare incontro alle esigenze degli attuali 150mila celiaci italiani.
Interessanti anche i corsi di formazione “Pizza al Kamut, integrale e multicereale”  proposti accanto ai “senza glutine” dall’ Ateneo della Pizza.

Accattivanti, poi, i corsi per pizzaioli multietnici: locandina in lingua, ma contenuti pratici universalmente comprensibili..anche dai cinesi!

pizza_cinesi

Ottime le scuole di cucina presenti in Italia e rinomate in ambito internazionale:rappresentano perfetto coronamento di un percorso iniziato in Istituti Alberghieri. Ecco i fiori all’ occhiello:

L’ ALMA, presieduta dal famoso chef Gualtiero  Marchesi;, tutti i percorsi grantiscono stage in un ristorante d’eccellenza italiano. scuolacucina.it/

Le scuole del Gambero Rosso sono di buona qualità, si trovano a Roma e a Napoli; anche qui gli insegnanti sono prestigiosi. gamberorosso.it

Allo stesso livello c’è la Boscolo Etoile Academy in provincia di Viterbo, sito: scuoladicucinaetoile.it

Per saperne  di più visitiamo Host,  é il Salone dell’ospitalità professionale: sono tante le occasioni di aggiornamento e formazione. Prossima edizione ottobre 2015.

Per i baristi ci sono mini corsi sulla sensorialità e i “cup tasting” per apprendere le tecniche di base e l’estrazione di un espresso equilibrato.

Infine lasciamoci incuriosire e facciamoci istruire su…  Latte Art per scoprire i segreti della microschiuma perfetta e per avvicinarsi alla pratica delle decorazioni del cappuccino: verranno fuori vere e proprie opere d’arte!

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento