MALATTIE DIFFUSE NEL PUBBLICO IMPIEGO

image_pdfimage_print

I lavoratori pubblici si ammalano il doppio di quelli privati, in base ai dati resi noti dai Consulenti del lavoro sulla scorta delle cifre fornite dall’ Inps. Nel 2014 è stata registrata una media di 5 giorni e mezzo di assenza per malattia dei lavoratori privati e 10,2 giorni per quelli pubblici. In pratica ogni giorno manca in media dal lavoro per malattia il 3,1% dei dipendenti pubblici e l’1,8% dei privati. Nel complesso i giorni di malattia sono stati 106,6 milioni, con un calo dell’1,69% sul 2013 e un risparmio di 50 milioni.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONTRATTI DECENTRATI

Le parti sociali sono a un passaggio decisivo per la revisione del modello contrattuale. “Basta, però, guardare ai soliti modelli oltreconfine -sostiene il giuslavorista Francesco Rotondi – L’Italia si fonda

CGIL: RACCOLTA FIRME PER 'CARTA DEI DIRITTI DEL LAVORO'

“Dai nuova vita ai diritti, firma la legge di iniziativa popolare per la ‘Carta dei diritti universali del lavoro’: il nuovo Statuto, patrimonio di dignità e libertà. Lascia un segno

DUCATI SELEZIONA DIVERSI PROFILI

Ducati ha aperto nuove opportunità di lavoro in vista di assunzioni, anche a tempo indeterminato, in Italia. La nota azienda motociclistica cerca sia personale con esperienza, sia giovani al primo impiego. Anche mansioni

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento