ALIMENTARISTI, A UN PASSO DAL CONTRATTO

image_pdfimage_print

Per arrivare al rinnovo del contratto nazionale dell’agroindustria entro fine novembre, Fai Cisl, Flai Cgil e Uila, sindacati di settore, lanciano alla controparte Federalimentare una proposta: entrare nel merito della discussione, lasciando fuori i condizionamenti esterni legati alla discussione in corso sul modello contrattuale. La trattativa interessa 54 mila aziende e 385 mila lavoratori. Uno dei temi al centro del rinnovo è l’impatto delle nuove norme del Jobs act in questo settore dove esistono da tempo relazioni sindacali collaudate. I sindacati auspicano di trovare le soluzioni ai nodi aperti e firmare l’accordo entro il 30 novembre, scadenza dell’attuale contratto.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Istat: retribuzioni +0,7% annuo

L’Istat ha rilevato che nei primi nove mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,7% rispetto al corrispondente periodo del 2015: a settembre l’indice delle retribuzioni contrattuali

ENPAP, RENDIMENTO MONTANTI CONTRIBUTIVI SUPERIORE A ISTAT

Il consiglio di amministrazione Enpap (Ente nazionale di previdenza ed assistenza per gli psicologi) ha deliberato, per la prima volta nella storia della cassa, un rendimento dei montanti contributivi degli

ISTAT: DATI RETRIBUZIONI AD APRILE

Ad aprile l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie rimane invariato rispetto al mese precedente e aumenta dello 0,6% nei confronti di aprile 2015. Complessivamente, nei primi quattro mesi del 2016 la

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento