REGIONI E SERVIZI PER L’IMPIEGO

image_pdfimage_print

Cosa accadrà adesso, dopo l’approvazione da parte del Comitato delle Regioni, dello schema di convenzione col ministero del Welfare per la gestione dei servizi per l’impiego? In base alla proposta presentata dal presidente della Toscana, Enrico Rossi, che svolge le funzioni di coordinatore della commissione Lavoro, ogni Regione potrà passare al confronto diretto col ministero per attivare il passaggio delle funzioni. In quella sede si affronterà anche l’annoso problema dell’utilizzo del personale delle Province per la gestione dei centri per l’impiego. Quella attuale è una fase transitoria, prevista dal decreto legislativo attuativo del Jobs act e in vista della conclusione del dibattito sulla riforma costituzionale che, mentre attribuisce allo Stato la competenza sulle politiche attive, apre la possibilità per le singole Regioni di chiedere l’autonomia speciale.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento