TRANS LICENZIATO: NON E’ DISCRIMINAZIONE

image_pdfimage_print

Non c’era stata nessuna discriminazione sessuale nell’allontanamento di un vigile del Fuoco per sua stessa ammissione transessuale. La decisione di cancellarlo dalle liste dei volontari dopo 35 anni di servizio era stata dettata solo da una condanna penale per oltraggio a pubblico ufficiale. Così la Corte d’Appello di Bologna ha ribaltato la decisione del giudice del Lavoro di Ravenna che in primo grado aveva accolto il ricorso del pompiere contro il ministero dell’Interno e il comando provinciale dei vigili del Fuoco ricollocandolo al suo posto e riconoscendogli anche un risarcimento per i danni subiti di oltre 33 mila euro, pari alle retribuzioni non percepite. Secondo la magistratura d’appello bolognese, in questa vicenda non ci sarebbe stata nessuna discriminazione sessuale, che altra non era se non “un escamotage per elidere regole processuali e probatorie”. Il trans ora teme che presto lo Stato gli chieda di restituire la cifra già incassata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Generazione vincente : OFFERTE DI LAVORO [Bologna]

Generazione Vincente S.p.A. – agenzia per il lavoro – cerca con urgenza profili per la seguente offerta di lavoro : ADDETTO SALA OPERATIVA E TELEMATICA per società leader mondiale nei

APRO ASSUME DOCENTI

APRO, ente di formazione piemontese che dal 1958 crea percorsi di aggiornamento professionale per i lavoratori sta cercando docenti di matematica e italiano per la sede di Cuneo, nel settore

OLTRE 286 MILA CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

Nei primi sette mesi dell’anno i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in Italia di  286.126 unità. L’incremento delle assunzioni risulta superiore alla media nazionale (+35,4%) in Friuli-Venezia Giulia (+85,3%), in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento