CALA SPESA PER AMMORTIZZATORI

image_pdfimage_print

Nel 2014 l’ammontare della spesa per gli ammortizzatori sociali è stato di 22,6 miliardi, dei quali 14,4 per prestazioni e circa 8,2 di contributi figurativi, con una contrazione rispetto al 2013 di 998 milioni. La spesa è ripartita in 6,1 miliardi per la cassa integrazione, 13,1 miliardi per le indennità di disoccupazione e 3,4 miliardi per quelle di mobilità. Emerge dal “Bilancio sociale Inps”, leggendo il quale si nota un significativo decremento di spesa sia per la cig nel suo complesso di circa 592 milioni di euro (-8,8%), sia per le indennità di disoccupazione di 495 milioni (-3,6%). Invece,  per gli assegni di mobilità, c’è un aumento della spesa di 89 milioni (+2,7%). E’ interessante notare come il flusso annuo dei lavoratori beneficiari della cassa integrazione sia stato di circa 1,2 milioni, contro un milione e mezzo di persone nel 2013.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BLUE AIR: 100 ASSUNZIONI A TORINO

Nuove opportunità di lavoro presso la compagnia aerea rumena Blue Air, che ha in programma di assumere 100 figure per  il traffico aereo dalla base di Torino. Saranno selezionati 40 Assistenti di

FEDERTURISMO, ELETTI RAPPRESENTANTI CONSIGLIO GENERALE

L’assemblea di Federturismo Confindustria, riunitasi a Roma, ha eletto i 15 componenti elettivi del consiglio generale per il periodo 2016-2019: Eduardo Bosch, Francesco Brunetti e Gianluca Scavo di Assolombarda; Giancarlo

Confindustria: Italia non è più fanalino di coda, in crescita anche il lavoro

Il rapporto del Centro Studi di Confindustria conferma il trend di crescita economica del nostro Paese e sottolinea come l’Italia non sia più il fanalino di coda europeo, posizione in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento