15 MILA TIROCINI NELLA UE

Boom di iscrizioni a Erasmus+ Vet, il programma di tirocinio in Europa, promosso dall’Isfol. Il secondo bando ha visto un incremento delle candidature di oltre il 15% rispetto al suo esordio. Le proposte progettuali inviate all’Agenzia Erasmus+ Isfol sono state 601 contro le 521 del 2014. Nello specifico, si è trattato di 325 progetti di mobilità e 269 partenariati strategici. Quanto ai progetti selezionati, sono stati 82 quelli di mobilità e 24 quelli relativi ai partenariati. Nel Nord il maggior numero, pari al 37% delle candidature, di cui 20% nel Nord-Est e 17% nel Nord-Ovest. 34% al Centro, 30% nel Mezzogiorno sia continentale che insulare. Le destinazioni più gettonate sono la Gran Bretagna, la Spagna, la Germania e la Francia. Con le prime due annualità di Erasmus+ i giovani in mobilità sono stati circa 15 mila. E’ un modo semplice e concreto per far si che ragazzi e ragazze entrino in contatto con giovani di altre nazionalità, imparino le lingue, facciano esperienze di vita e di lavoro, preparandosi in modo adeguato alle sfide dei mercati globali.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

UNIONCAMERE: NEL 2015 -4,8% PROCEDURE DI FALLIMENTO APERTE DALLE IMPRESE

Rallenta la corsa dei fallimenti delle imprese italiane: tra gennaio e novembre di quest’anno, secondo i dati di Unioncamere, le procedure fallimentari aperte dalle aziende dello Stivale sono state 12.583,

NCD: RIDURRE IL COSTO DEL LAVORO AL SUD

Il leader di Ncd Angelino Alfano, ministro dell’Interno, ritiene che, se nell’esame dei principi guida della legge di stabilità, ci sarà da ragionare sulla diminuzione del costo del lavoro e

VISCO SU POLITICHE ATTIVE

In Italia difettano le politiche attive del lavoro che, ancorché difficili da disegnare e mettere in atto, hanno un ruolo potenzialmente importante per riqualificare e ricollocare una forza lavoro spiazzata

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento