BANKITALIA. OCCUPAZIONE IN RIPRESA

image_pdfimage_print

L’aumento dell’occupazione dipendente a inizio 2015 è legato alle misure del governo: un terzo al Jobs act e due terzi agli sgravi contributivi per le assunzioni stabili. Lo sottolinea Bankitalia,nel Bollettino economico. L’occupazione è, infatti, cresciuta a ritmi significativi, pari all’0,8% nella media dei primi otto mesi dell’anno in corso rispetto al 2014. “Durante l’estate – è scritto ancora nel Bollettino emesso dalla Banca Centrale – è proseguita la lieve riduzione del tasso di disoccupazione, che era quasi raddoppiato tra il 2008 e il 2014”. Ma le novità positive non finiscono qui, in quanto, conclude l’istituto guidato dal governatore Ignazio Visco, anche le imprese sono moderatamente ottimiste sulle prospettive del mercato del lavoro.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

RICHIESTI MACELLAI

Il mercato del lavoro richiede macellai, perchè c’è carenza di manodopera da parte delle aziende, alla quale non corrisponde la disponibilità di lavoratori con un’idonea preparazione professionale. Non a caso

SOMMINISTRAZIONE, BOOM NEL SECONDO TRIMESTRE

Sono nettamente aumentate nel secondo trimestre del 2015 le posizioni lavorative con contratti di somministrazione: più 4,1% in termini congiunturali e  più 18,7% su base annua.  Tra gli inattivi, coloro,

CRISI VOLKSWAGEN

ll capo dell’istituto economico tedesco Diw, Marcel Fratzscher, mette in guardia dalle ampie e gravi conseguenze dello scandalo che ha colpito il colosso automobilistico Volkswagen. Prevedendo perdite di posti di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento