Retribuzioni differenti nei contratti a termine

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 4911 del 3 marzo 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che non è illegittimo il comportamento del datore di lavoro che, in caso di elargizione di gratifiche a titolo di premi di produttività, escluda i lavoratori con contratti a termine , se l’erogazione degli emolumenti mira a premiare e fidelizzare i dipendenti con prospettive di collaborazione duratura nel tempo.

pdf-icon  Leggi la sentenza n. 4911 del 3 marzo 2014

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 279 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Inail: Bando Isi 2016, nuovi incentivi per la sicurezza sul lavoro

È stato pubblicato in Gazzetta ufficiale n.299 del 23 dicembre 2016 l’estratto dell’avviso pubblico per il bando Isi 2016 dell’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro L’Inail mette a disposizione il

Licenziamento per uso della mail durante l’orario di lavoro [cassazione]

Con sentenza n. 22353 del 2 novembre 2015, la Cassazione ha affermato che  è illegittimo il licenziamento di un dipendente che ha utilizzato personalmente la casella di posta elettronica ed

Passaggio di azienda e non riconoscimento delle agevolazioni [Cassazione]

Con sentenza n. 10431 del 2 maggio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che in caso di passaggio di azienda, realizzatosi attraverso un contratto di affitto, il nuovo datore di lavoro non può

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento