Retribuzioni differenti nei contratti a termine

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 4911 del 3 marzo 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che non è illegittimo il comportamento del datore di lavoro che, in caso di elargizione di gratifiche a titolo di premi di produttività, escluda i lavoratori con contratti a termine , se l’erogazione degli emolumenti mira a premiare e fidelizzare i dipendenti con prospettive di collaborazione duratura nel tempo.

pdf-icon  Leggi la sentenza n. 4911 del 3 marzo 2014

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cassazione: concordato preventivo ed occultamento dell’attivo

Con sentenza n. 14552 del 26 giugno 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

Nuovi modelli e istruzioni per la richiesta dell’ ISEE nell’anno 2016 [INPS]

L’Inps, con il messaggio n. 7665 del 30 dicembre 2015, riepiloga le principali modifiche ed integrazioni apportate alla modulistica e alle istruzioni ISEE : sono state aggiornate le indicazioni agli anni e

Parlamento: riordino delle forme contrattuali e dell’ attività ispettiva (art.4 Jobs Act)

Pubblichiamo la bozza dell’articolo 4 del disegno di legge delega – c.d. Jobs Act – presente nel sito del Senato in materia di riordino delle forme contrattuali e dell’ attività ispettiva.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento