PART TIME A 3 ANNI DALLA PENSIONE

image_pdfimage_print

Il governo stanzia per ora 250 milioni per 3 anni per finanziare il part time per chi, dal 2016, si trova a 3 anni dalla pensione., “perché si tratta di una sperimentazione, e, se funzionerà, la finanzieremo adeguatamente. Così il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, spiega, il giorno dopo il varo della legge di Stabilità per il prossimo anno, la misura che dovrebbe incentivare le uscite soft dal mercato del lavoro quando si è in età avanzata. Va chiarito che si tratta comunque di accordi individuali per un part time, la cui retribuzione sarebbe compresa tra il 40 e il 60% della precedente busta paga. Sarebbe il datore di lavoro a versare la differenza dei contributi, esentasse. In tal modo, chi va in part time al 50%, ad esempio, avrà un salario attorno al 65% rispetto a quello precedente.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento