FOTOGRAFIE GIOVANI E LAVORO

image_pdfimage_print

Aziende chiuse per fallimento, infortuni, lavoro nero e minorile, lavoratori precari, licenziati o sottopagati, ma anche giovani che si reinventano con le start up e l’imprenditoria, che lavorano da postazioni di coworking, in giro per la città. Sono queste le facce dell’occupazione in Italia raccontate per il concorso di fotografia “Giovani e Lavoro”, indetto dallo studio Limatola Avvocati, con sedi a Roma, Milano, Napoli e New York, in collaborazione con il Centro studi giuridici ed economici Cesgieco. Ogni fotografo ha tempo fino al 20 ottobre per inviare i propri scatti dei giovani alle prese con il lavoro in Italia. Tra le prime opere arrivate, ci sono gli scatti di una ragazza ventottenne calabrese, di un napoletano laureato in economia che lavora a Milano, di un cuoco di Terracina emigrato.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

AMBROGIONI (CIDA) SU PENSIONI

“Un giudizio definitivo potremo darlo solo quando tutte le informazioni saranno disponibili, ma un giudizio complessivamente positivo su quanto il Presidente del Consiglio ha annunciato in vista della prossima Legge

EVANGELIZZATORI DIGITALI

A Garanzia Giovani hanno finora partecipato oltre 850 mila giovani: di questi 500 mila sono già stati ricevuti dai Centri per l’impiego. “È il primo progetto italiano che una volta

INPS: DATI OCCUPAZIONE

Nei primi sette mesi del 2016, nel settore privato, si registra un saldo, tra assunzioni e cessazioni, pari a +805.000 unità, inferiore a quello del corrispondente periodo del 2015 (+

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento