MATTARELLA: DISOCCUPAZIONE AL SUD

image_pdfimage_print

La disoccupazione che penalizza il Mezzogiorno è una delle ferite sociali più gravi per l’Italia. Ma un rilancio è possibile dopo la lunga crisi economica, scrive il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al presidente della Fondazione Con il Sud, Carlo Borgomeo. “E’ giusto porre al centro della discussione – sottolinea il Capo dello Stato- le nuove pratiche di un Mezzogiorno che raccoglie le sfide, costruisce reti sociali,  vuole diventare protagonista del proprio futuro. Secondo Mattarella, serve, infatti, un rafforzamento della coesione sociale, dal ruolo attivo del terzo settore, a una positiva integrazione tra pubblico, imprese, privato sociale e volontariato.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CAMUSSO: FERMO MERCATO LAVORO

Non c’è nulla di significativo rispetto all’occupazione giovanile, sbotta Susanna Camusso, commentando i dati Istat. “Il tema che continua ad esserci – ha aggiunto la leader della Cgil – è

ANCE: DATI 1° TRIMESTRE EDILIZIA

Non decolla la ripresa nel settore dell’edilizia.Quello che doveva essere l’anno della ripartenza e della svolta, in realtà, sta diventando l’anno dell’occasione mancata. L’indice di produzione nei primi quattro mesi

Nel Def previsioni di crescita del 1,4% nel 2017

Il capo economista del ministero dell’Economia, Riccardo Barbieri, rileva un netto rialzo delle stime di crescita prima dell’imminente aggiornamento del Def. È ormai risaputo che l’aggiornamento del Documento di economia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento