SGRAVI RIDOTTI NEL 2016

image_pdfimage_print

Dall’anno prossimo ci saranno ancora sgravi per chi assume, “ma meno di prima, per cui chi voglia usufruirne è meglio che si affretti”, annuncia il premier Matteo Renzi al termine della riunione del governo che ha varato la manovra per il 2016. In sostanza, per chi assume entro il prossimo 31 dicembre ci saranno sgravi contributivi nella loro interezza di cui si potrà usufruire fino al 2018, chi, invece, assumerà nel 2016 pagherà il 60% dei contributi dovuti, per soli due anni. E nel 2017 scenderà percentualmente ancora di più, secondo un criterio di decalage. Dalle prime indiscrezioni non c’è neppure la norma che lascia al 100% la decontribuzione solo per le aziende che investono nel Sud.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento