USA, MENO SUSSIDI DISOCCUPAZIONE

 Calano le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione negli Usa. Quelle iniziali nella settimana terminata il 10 ottobre sono state 255 mila, in calo di 7 mila rispetto al livello della settimana precedente, comunica il Dipartimento del Lavoro americano. Il dato è migliore delle attese. Le richieste continue, quelle rinnovate dopo i primi sette giorni, nella settimana chiusa il 3 ottobre sono state 2.158 mila, in calo di 50 mila rispetto a sette giorni prima, toccando i minimi dal 4 novembre 2000. E’ una ulteriore dimostrazione della ripresa in atto nell’economia a stelle e strisce.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

GEOLOGI: PRONTI A SUPPORTO TECNICO SU TERREMOTO

“Stiamo contattando i colleghi geologi disponibili in tutte le regioni italiane in modo da creare una sorta di task force nel caso in cui la Protezione civile richieda il nostro

FEDERMANAGER SU PENSIONI

“Con un buco nel bilancio pubblico di 130 miliardi di euro ogni anno dovuto all’evasione fiscale, altri 60 miliardi annui persi in sprechi e inefficienze, e 8,5 milioni di pensionati

METALMECCANICI, FISSATI TEMPI TRATTATIVA

Nell’incontro di ieri tra le delegazioni di Federmeccanica e quelle di Fim, Fiom, Uilm, per la trattativa sul contratto nazionale di lavoro della categoria, è stato fissato il calendario dei

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento