EDILIZIA, PERSI 650 MILA POSTI

image_pdfimage_print

Emorragia di posti di lavoro, tra il 2008 e il 2014, in edilizia. In 6 anni, infatti, sono andati in fumo almeno 650 mila posti di lavoro e 125 miliardi di valore della produzione. Lo rileva Federcostruzioni. “La dotazione infrastrutturale è un pilastro della competitività”, sottolinea il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, secondo il quale “bisogna continuare a investire nel pubblico e nel privato. E l’edilizia è fondamentale, in quanto, come dicono i francesi, quando l’edilizia si muove, si muove tutto”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

AZIENDA OSPEDALIERA DI PERUGIA: BANDO PER CUOCHI

L’Azienda ospedaliera di Perugia ha aperto un concorso, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di quattro posti di operatore tecnico specializzato esperto – Cuoco. Due dei posti messi a

Edilizia: crescita nel settore residenziale

L’Istat registra una crescita non solo nell’edilizia residenziale, ma anche sui permessi per costruire: nel primo semestre 2016 il numero di abitazioni dei nuovi fabbricati supera le 10 mila unità

BANCA UNIPOL ASSUME

Unipol è alla ricerca personale anche alla prima esperienza lavorativa da inserire nel ramo assicurazioni e in quello bancario. Le offerte di lavoro sono rivolte a profili senior, candidati senza esperienza

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento