EDILIZIA, PERSI 650 MILA POSTI

Emorragia di posti di lavoro, tra il 2008 e il 2014, in edilizia. In 6 anni, infatti, sono andati in fumo almeno 650 mila posti di lavoro e 125 miliardi di valore della produzione. Lo rileva Federcostruzioni. “La dotazione infrastrutturale è un pilastro della competitività”, sottolinea il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, secondo il quale “bisogna continuare a investire nel pubblico e nel privato. E l’edilizia è fondamentale, in quanto, come dicono i francesi, quando l’edilizia si muove, si muove tutto”.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

IN CAMPANIA OPERATIVO RICOLLOCAMI

Attivo da oggi in Campania il Programma “Ricollocami”, rivolto a tutti coloro che hanno perso il lavoro e sono percettori di ammortizzatori sociali. Il Programma prevede che il percettore possa fruire

DRAGHI AI GIOVANI

Il numero inaccettabile dei disoccupati, tra cui molti, troppi sono giovani, è stato il prezzo pagato per la lunga recessione. Lo ha detto il presidente della Bce, Mario Draghi, all’Università

SENTENZA SUL DE MINIMIS

La verifica sull’importo complessivo degli aiuti de minimis accordati alla stessa impresa va effettuata su tre esercizi finanziari e non su tre anni. Lo ha chiarito la Corte d’Appello dell’Aquila

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento