2 MILA TAGLI ALLA STM

image_pdfimage_print

Lavoratori italiani e francesi in lotta contro i tagli alla StMicroelectronics, l’azienda franco-italiana che produce componenti elettronici. Nei giorni scorsi è stata avviata la cassa integrazione a Catania per 2.014 lavoratori della produzione mentre, entro ottobre, potrebbero essere annunciati tagli per la divisione Digital product group. Contro le scelte dell’azienda i lavoratori hanno proclamato congiuntamente giornate di mobilitazione, a partire dallo sciopero di domani in contemporanea nei siti di Grenoble/Crolles e in quello siciliano.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ENI ASSUME

Eni, il colosso del settore dell’energia, è alla ricerca di personale. La selezione riguarda le seguenti figure, le quali verranno assunte con contratto di lavoro a tempo indeterminato: Category manager, Category

MODELLI MELFI AL SUD

Il sindacato è disponibile a una flessibilità di salario e di organizzazione del lavoro per le imprese che aprono nuovi stabilimenti e attività al Sud. Lo sostiene il leader della

Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Nel periodo Aprile-Giugno del 2017 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con riferimento all’anno 2010,  corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, ha subito un aumento

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento