LA SPERANZA: LAVORARE A GOOGLE

image_pdfimage_print

Google è la migliore azienda del mondo in cui lavorare. Il colosso di Mountain View si conferma per il terzo anno consecutivo al primo posto della classifica della società “Great Place to Work“, che ha realizzato una ricerca attraverso le risposte di oltre mezzo milione di collaboratori. Sul podio finiscono anche Sas Institute (Ict) e WL Gore (tessile). Nella lista, che comprende 25 aziende, non c’è nessuna impresa italiana. E questo, purtroppo, deve far riflettere quanti hanno veramente a cuore le sorti del nostro Paese.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONFINDUSTRIA PROMUOVE JOB ACT

Confindustria promuove a pieni voti il contratto a tutele crescenti e gli sgravi contributivi che lo accompagnano introdotti dal Jobs act: due imprese su cinque hanno assunto o sono in

Giro di vite per le visite fiscali, da Settembre premi per i medici di base

Inizia a prendere una fisionomia chiara il giro di vite sulle assenze di malattie voluto dalla riforma Madia nei confronti della pubblica amministrazione. La direzione è quella dell’assegnazione di premi

BOOM LAVORO NEL TURISMO

Cibo e turismo, un binomio vincente: nel primo semestre di quest’anno registrato un piccolo boom di nuovi occupati nel campo dei servizi di alloggio e ristorazione con un +5,4%. Il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento