PARITA’ SALARIO UOMO DONNA

image_pdfimage_print

Una nuova normativa per assicurare la parità retributiva tra uomini e donne, corredata da sanzioni per le imprese che non rispettano le regole. Lo chiede il Parlamento europeo di Strasburgo alla Commissione Ue, vista l’inefficacia della direttiva del 2006 che doveva assicurare salari uguali tra i sessi: infatti, da allora, le differenze sono aumentate assestandosi al 16,4% in busta paga. Nello specifico auspica trasparenza nei salari, assistenza legale gratuita alle vittime di discriminazioni, divieto di qualsiasi discriminazione basata sull’orientamento e norme per migliorare la conciliazione tra lavoro e vita privata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CALDERONE (CUP): LA COLLETTIVITÀ HA BISOGNO DI OPERATORI SPECIALIZZATI

“Oggi la collettività e i cittadini hanno bisogno di professionisti formati e sicuramente anche specializzati per affrontare quelle che sono le sfide del mondo del lavoro e in generale della

Lavoro: trend positivo occupazione, ancora bene la somministrazione

Nel trimestre Aprile-giugno 2017 continua il trend positivo dell’occupazione su base annua e in termini congiunturali, anche se il lavoro giovanile resta fermo al margine del processo. Una caratteristica fondamentale

OCCUPATI + 247 MILA

Nel terzo trimestre dell’anno il numero degli occupati aumenta di 247mila unità (+1,1%) rispetto allo stesso periodo del 2014. È quanto emerge dal report Istat. Oltre la metà della crescita

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento