ALTERNANZA SCUOLA LAVORO

image_pdfimage_print

Un’alternanza scuola-lavoro finanziata e qualificata è tra le principali richieste del coordinamento nazionale dell’Unione degli Studenti, che ieri ha manifestato in oltre 90 città. Studenti e studentesse si sono mobilitati e sono scesi in piazza sollecitando un vero diritto allo studio al fine di raggiungere la piena gratuità dell’istruzione. “Ci siamo mobilitati oggi perché questo Governo, con lo Sblocca Italia, il Jobs Act e la Buona Scuola, ha peggiorato le nostre vite”, commenta Riccardo Laterza, portavoce nazionale della Rete della Conoscenza.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

NON SOLO STARTUP, ‘PASSAGGIO TESTIMONE’ PER 303.000 PMI ‘ANZIANE’

Per le neo imprese italiane è difficile sopravvivere ai primi anni di vita, ma anche per gli imprenditori anziani è altrettanto complicato passare il testimone a chi vuole prendere in

POVERI PUR LAVORANDO

Anche chi lavora rischia di precipitare in uno stato di povertà. E’ la conseguenza del fatto che l’Europa ha disinvestito nel welfare, tagliando la spesa sociale per 230 miliardi. Un Rapporto

WITLAB PER CREARE OCCUPAZIONE

 Startup, nuova manifattura, makers, laboratori digitali.  Ritorna il grande artigianato di bottega made in Italy. Dal digitale alla robotica, dalle tecnologie verdi ai sistemi di risparmio energetico, per progettare e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento