Trasformazione a t.indeterminato di lavoratori assunti da liste di mobilità ma con precedente rapporto a tempo indeterminato: spetta solamente il contributo pari al 50% e non l’incentivo di € 8060 ?

Trasformazione a t.indeterminato di lavoratori assunti da liste di mobilità ma con precedente rapporto a tempo indeterminato: spetta solamente il contributo pari al 50% e non l’incentivo di € 8060 ?

Se il precedente rapporto a tempo indeterminato, con il lavoratore assunto dalle liste di mobilità, è terminato da più di 6 mesi, alla trasformazione del TD si ha diritto: al contributo del 50% + l’esonero triennale (max 8.060). Vedasi, in tal senso, il punto 7 (ultimo periodo) della circolare Inps n. 17/2015

Idem per la trasformazione di lavoratori assunti a t.determinato con precedente rapporto a tempo indeterminato – non spetta l’incentivo ?

Se il precedente rapporto a tempo indeterminato, con il lavoratore assunto a tempo determinato, è terminato da più di 6 mesi, si ha diritto all’esonero contributivo triennale.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 496 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Per il corretto versamento del ticket licenziamento si esclude il periodo di assenza per congedo straordinario?

La presente per chiedere il seguente chiarimento ai fini del corretto versamento del ticket licenziamento. In considerazione del periodo di assenza per congedo straordinario (art. 42- D.lgs 151/01) da aprile

Un mio lavoratore non è rientrato dalle ferie, posso iniziare una procedura disciplinare?

Qualora il lavoratore non rientri dalle ferie alla data prevista e non giustifichi tale assenza (es. con un certificato medico), il datore di lavoro può iniziare la procedura disciplinare attraverso

Nel momento in cui a un lavoratore sopravvenga un grave lutto familiare, durante il godimento del periodo di ferie, il dipendente può interrompere il congedo ferie e usufruire del permesso lutto?

La nuova normativa sui congedi familiari introdotta con la L. n. 53/2000, in particolare sul diritto del lavoratore al permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento