USA, MENO SUSSIDI DI DISOCCUPAZIONE

Le richieste di sussidi di disoccupazione negli Stati Uniti, nella settimana che si è chiusa il 3 ottobre, sono calate a 263 mila unità, 13 mila in meno del dato precedente, che era pari a 276 mila. Le attese erano per una flessione più contenuta, a 274 mila unità, quindi il dato è migliore delle aspettative. Ciò vuol dire che l’economia a stelle e strisce è in fase di ripresa e, a questo punto, la Federal Reserve potrebbe procedere all’aumento dei tassi di interesse, che dovrebbe avvenire a fine anno, dopo un lunghissimo periodo in cui il costo del denaro è stato praticamente uguale a zero.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Nuovi Voucher: al via l’accesso per i Consulenti del lavoro

Rilasciata dall’Inps il messaggio numero 3177 del 31 Luglio 2017 nel quale si comunicano alcune importanti novità circa il nuovo lavoro occasionale, in particolar modo i riferimenti ai nuovi Voucher

TERZIARIO, OCCUPAZIONE A RISCHIO

Pur se migliorano le dinamiche dei pagamenti nel commercio e nel turismo, i fallimenti tornano ad aumentare. Tra luglio, agosto e settembre, ben 530 imprese terziarie hanno portato i libri

RENZI SU PENSIONI

“Ci sono ancora un sacco di cose da fare, come le pensioni, è un tema sul quale bisogna lavorare perché in passato si è intervenuto con l’accetta, c’è uno scalino

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento