POLETTI SU SALARIO MINIMO

image_pdfimage_print

La previsione del salario minimo era nella legge delega, ma il governo non l’ha utilizzata “proprio per evitare di aprire un problema a fronte della volontà e necessità che le parti trovino un’intesa”. A dirlo è il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che aggiunge: “Se, però, le parti non troveranno una sintesi, è chiaro che l’esecutivo dovrà intervenire in maniera organica”. Una posizione corretta, in quanto la contrattazione è affidata all’autonomia delle parti sociali, ma, se si perde altro tempo, bisogna pur colmare un vuoto esistente da troppo tempo.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CALA SPESA PER AMMORTIZZATORI

Nel 2014 l’ammontare della spesa per gli ammortizzatori sociali è stato di 22,6 miliardi, dei quali 14,4 per prestazioni e circa 8,2 di contributi figurativi, con una contrazione rispetto al

JOB ACT, PIACE MA SERVE DI PIU’

Alle aziende la riforma del Jobs Act piace, ma non è sufficiente. È quanto emerge da un’indagine, rivolta ad aziende nazionali e internazionali operanti in Italia, realizzata dallo studio legale

MATTARELLA SU OCCUPAZIONE

“Sul versante della crisi economica occorre stimolare la ripresa per far crescere l’occupazione, un’esigenza che l’Italia ha posto e che credo sia condivisa ampiamente”. Così il presidente della Repubblica Sergio

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento