MENO DISCRIMINAZIONI SUL LAVORO

image_pdfimage_print

La fotografia scattata dal Workmonitor sulla discriminazione nei luoghi di lavoro mostra un’Italia progredita e avanzata. Ciò, comunque, non è sufficiente a metterci al riparo da esperienze di discriminazione, che si manifestano ancora con troppa frequenza. Il 72% dei lavoratori del nostro Paese riscontra una cultura aziendale aperta e inclusiva: si tratta di un buon risultato, seppur inferiore alla media mondiale del 77% e, purtroppo, ancora lontano dai valori medi del Nord Europa, che sfiorano l’81%.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FIST CISL AL CONSIGLIO GENERALE

Si è aperto con un’analisi sullo scenario globale il primo consiglio generale del 2016 della Fist, la federazione italiana dei sindacati del terziario aderente alla Cisl, nata nel 2014 dalla

VIA LIBERA AL BANDO PER FINANZIAMENTI TUTORAGGIO AZIENDALE

Via libera al Bando per finanziare il tutoraggio aziendale nell’ambito del Sistema duale di formazione. L’avviso, pubblicato sul sito di Italia Lavoro, attua quanto previsto nell’accordo Stato-Regioni sul progetto sperimentale

WITLAB PER CREARE OCCUPAZIONE

 Startup, nuova manifattura, makers, laboratori digitali.  Ritorna il grande artigianato di bottega made in Italy. Dal digitale alla robotica, dalle tecnologie verdi ai sistemi di risparmio energetico, per progettare e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento