IN CALO REDDITI DIPENDENTI

image_pdfimage_print

In riduzione gli esborsi per i redditi da lavoro dipendente: -1% l’ultimo trimestre, -0,8% il primo semestre dell’anno in corso. Anche la spesa per interessi passivi sul debito pubblico nel secondo trimestre è scesa del 3,5% su base annua, ovvero di 746 milioni. Lo rileva l’Istat. Sono gli effetti, da un lato, del blocco dei rinnovi contrattuali e, dall’altro, del calo del costo del denaro e hanno indubbiamente effetti positivi sui conti pubblici. Non altrettanto può dirsi per le tasche dei lavoratori.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

DUCATI SELEZIONA DIVERSI PROFILI

Ducati ha aperto nuove opportunità di lavoro in vista di assunzioni, anche a tempo indeterminato, in Italia. La nota azienda motociclistica cerca sia personale con esperienza, sia giovani al primo impiego. Anche mansioni

Istat: 1 miliardo per le famiglie da no tax area e 14esima

L’aumento della 14esima e l’incremento delle detrazioni Irpef, la no-tax area, per i pensionati, nel loro insieme, “innalzano di un miliardo di euro il reddito delle famiglie”. A dichiararlo è

CREDEM SELEZIONA DIVERSE POSIZIONI

Il gruppo Credem ha un programma assunzionale che è partito lo scorso settembre, col quale sono state previste 100 nuove assunzioni le quali sono state aumentate di 50 ulteriori unità di personale. Le assunzioni sono

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento