CRISI: CHIUSE 20 MILA AZIENDE

image_pdfimage_print

L’emergenza non può diventare il modo normale di agire. Per questo dobbiamo mettere fine al precariato, alla logica delle proroghe ogni sei mesi”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, parlando del rapporto tra lavoratori e imprese, “Quando parliamo degli effetti della crisi, diciamo sempre che abbiamo perso un milione di posti di lavoro – ha aggiunto l’esponente governativo – e ciò è certamente un dramma. Ma dimentichiamo di dire che abbiamo perso 20 mila imprese, che nel frattempo hanno chiuso”. Sono le due facce della medaglia di una lunga crisi recessiva.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SACCHI (ISFOL), IN PUBBLICO UTENZA PIÙ NUMEROSA E DEBOLE CHE IN APL

“Nonostante un’utenza più numerosa e più difficile, i centri per l’impiego hanno performance non così distanti da quelle delle agenzie per il lavoro”. E’ il commento di Stefano Sacchi, commissario

ALITALIA E FONDI UE

Se il Governo vuole che il Jobs Act funzioni, all’interno delle nuove norme va valorizzata quella della ricollocazione dei lavoratori. E il caso Alitalia può rappresentare un primo, importante esempio

FDV CGIL SU RETRIBUZIONI MIGRANTI

Occupati prevalentemente nei settori a basso valore aggiunto (servizi alla persona, agricoltura, costruzioni, alberghi e ristoranti), dove la concorrenza con l’offerta di lavoro della componente italiana risulta marginale, con basse

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento