CRISI: CHIUSE 20 MILA AZIENDE

L’emergenza non può diventare il modo normale di agire. Per questo dobbiamo mettere fine al precariato, alla logica delle proroghe ogni sei mesi”. Lo ha detto il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, parlando del rapporto tra lavoratori e imprese, “Quando parliamo degli effetti della crisi, diciamo sempre che abbiamo perso un milione di posti di lavoro – ha aggiunto l’esponente governativo – e ciò è certamente un dramma. Ma dimentichiamo di dire che abbiamo perso 20 mila imprese, che nel frattempo hanno chiuso”. Sono le due facce della medaglia di una lunga crisi recessiva.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

IL LAVORO DOPO EXPO

Garantire un futuro a chi oggi lavora all’Esposizione Universale per non disperdere l’esperienza accumulata. Al direttivo della Cgil Lombardia, è intervento  Juri Sbrana, giovane delegato dei lavoratori a somministrazione di

L’ industria italiana tocca il massimo fatturato dall’inizio della crisi

Il 2017 è stato l’anno migliore dall’inizio della crisi per il fatturato dell’ industria italiana, infatti si è chiuso con un dato di crescita del 5,1% del valore del fatturato,

SI ALLO SMART WORKING

La legge attuativa del Job Act sul lavoro agile è un importante passo avanti, secondo Mariano Corso, responsabile scientifico dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano. Perchè, negli ultimi anni,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento