CRESCITA CONTRATTI A TERMINE

Ad agosto sono soprattutto i dipendenti con contratti a termine ad aumentare. Secondo i dati Istat, sono 45 mila in più rispetto al mese precedente (+1,9%), a fronte di 25 mila nuovi dipendenti a tempo indeterminato (+0,2%). Complessivamente l’aumento degli occupati riguarda soprattutto il lavoro dipendente (+70 mila persone), mentre restano sostanzialmente stabili i lavoratori indipendenti. L’occupazione ricomincia finalmente a crescere dopo sette anni di stallo e di riduzione dei posti di lavoro.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Cgia: nell’ultima parte dell’anno 123 mila occupati in più

  Nell’ultima parte dell’anno si potrà contare su 123 mila nuovi occupati e 36 mila disoccupati in meno. Lo stima l’Ufficio studi della Cgia di Mestre sulla base dei dati

LAVORO IN RIPRESA AL SUD

Ci sono segnali incoraggianti, il vento della ripresa sembra arrivato anche al Sud, pur se la situazione del Mezzogiorno resta a a macchia di leopardo. Costanzo Jannotti Pecci, presidente di

A DICEMBRE RETRIBUZIONI INVARIATE SU MESE, +1,3% SU ANNO

Alla fine di dicembre 2015 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 60,9% degli occupati dipendenti e corrispondono al 58,0% del monte retributivo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento