DIESELGATE E INDOTTO AUTO

Circa 10 mila lavoratori dell’indotto automotive, che lavorano soprattutto per le case tedesche, potrebbero essere coinvolti in Piemonte dallo scandalo “dieselgate”. È l’allarme lanciato dalla Fismic oggi a Torino. “Siamo preoccupati – spiega il segretario Roberto Di Maulo – per l’impatto che lo scandalo può avere sul tessuto produttivo e occupazionale della componentistica italiana, in particolare ma non solo piemontese”. Se l’industria automobilistica, che per prima si è rimossa in moto dopo la fine della crisi, si ferma, il rischio è che l’intera economia subisca una scossa negativa.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

COOP, 100 MILA OCCUPATI IN PIU’ NELLA CRISI

Negli anni della crisi, tra il 2007 e il 2013, le cooperative sociali hanno aumentato il valore della produzione del 23%, secondo dati resi noti dal presidente di Euricse, Borzaga.

MADIA SU TRASPARENZA PA

“Abbiamo sancito che il cittadino ha diritto di sapere tutti i dati e i documenti della Pa. Attraverso al trasparenza riavviciniamo i cittadini alla Pa in una logica costruttiva. Una

Lavoro: occupazioni giovanile deve passare per la formazione e la decontribuzione strutturale

Il dilemma del lavoro giovanile che manca nel nostro Paese è diventato un problema di una generazione intera. Non solo un problema personale, ma anche un problema sociale ed economico

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento