5 MILIONI IN ATTESA DI CONTRATTO

Sono quasi cinque milioni, per l’esattezza 4 milioni e 900 mila i dipendenti in attesa del rinnovo contrattuale. Di fatto, si tratta di oltre uno su tre, pari al 38%. Lo comunica l’Istat, precisando che, di questi, 2,9 milioni lavorano nella pubblica amministrazione. L’attesa media per i lavoratori con il contratto scaduto supera i quattro anni per l’insieme dell’economia e i tre anni per il settore privato. Il blocco dei rinnovi contrattuali nella Pubblica Amministrazione ormai in atto da lungo tempo.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

SINDACATI: APPROVATA PIATTAFORMA CCNL ADDETTI CONCIA

L’assemblea nazionale unitaria dei delegati e delle strutture Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uiltec-Uil ha approvato oggi, 26 luglio, a Firenze, la piattaforma per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per

PENSIONI, BOERI: "BUSTA ARANCIONE A CASA DI 7 MILIONI DI ITALIANI"

“Finalmente riusciamo a mandare la busta arancione a casa di 7 milioni di italiani, lavoratori del settore privato. Raggiungiamo chi non è digitalizzato e lo facciamo in collaborazione con Agid”.

BOBBA SU FONDI INTERPROFESSIONALI

“E’ cresciuto il numero delle imprese che ha aderito ai fondi interprofessionali e anche il numero dei lavoratori rappresentati. L’attività in termini percentuali è cresciuta anche se siamo di 4

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento