CRISI VOLKSWAGEN

image_pdfimage_print

ll capo dell’istituto economico tedesco Diw, Marcel Fratzscher, mette in guardia dalle ampie e gravi conseguenze dello scandalo che ha colpito il colosso automobilistico Volkswagen. Prevedendo perdite di posti di lavoro e possibili effetti sul made in Germany.  “Saranno messi a rischio posti di lavoro e molti subfornitori nel mio Paese – aggiunge – E ciò potrebbe penalizzare perfino l’export tedesco, dal momento che il marchio automobilistico era finora un’insegna per i prodotti nazionali”. Un duro colpo, d’immagine ma anche economico, alla potente locomotiva tedesca.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

OCSE: ALLARME OCCUPAZIONE

Nel 2015 il tasso di occupazione nella popolazione tra i 15 e i 24 anni in Italia si attesta al 17,3%, in miglioramento rispetto al 17,2% del 2014 ma in

SANITA’, 6 MILA ASSUNTI

Assunzioni per 6 mila tra medici e infermieri del Servizio sanitario nazionale: per la metà sono stabilizzazione dei precari. Un emendamento del governo alla legge di Stabilità lo prevede per

BRICOMAN ASSUME A VERONA

La catena di punti vendita Bricoman Italia srl specializzata di prodotti tecnici professionali per costruzioni e ristrutturazioni presente in 4 Paesi del mondo, con oltre 70 store e 6mila dipendenti è

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento