fbpx

CRISI VOLKSWAGEN

ll capo dell’istituto economico tedesco Diw, Marcel Fratzscher, mette in guardia dalle ampie e gravi conseguenze dello scandalo che ha colpito il colosso automobilistico Volkswagen. Prevedendo perdite di posti di lavoro e possibili effetti sul made in Germany.  “Saranno messi a rischio posti di lavoro e molti subfornitori nel mio Paese – aggiunge – E ciò potrebbe penalizzare perfino l’export tedesco, dal momento che il marchio automobilistico era finora un’insegna per i prodotti nazionali”. Un duro colpo, d’immagine ma anche economico, alla potente locomotiva tedesca.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

LAVORO PER OLIMPIADI

La candidatura di Roma alle olimpiadi e paralimpiadi del 2024 diventa un concorso per giovani aspiranti fotografi e video maker con in palio un posto di lavoro fino al 2017

CISL, NOVITA’ SUL LAVORO

L’occupazione in Italia mostra finalmente alcuni segni positivi, che vanno valorizzati, ma ci sono ancora oltre 3 milioni di disoccupati. Lo sostiene il segretario della Cisl, Annamaria Furlan, secondo la

Fondo di solidarietà: indicazioni per il settore del trasporto aereo e del sistema aeroportuale

L’Inps, con il messaggio n. 4972 del 6 dicembre 2016, fornisce ulteriori chiarimenti circa il Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo e del sistema aeroportuale. I chiarimenti vanno

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento