MUSEI SERVIZI PUBBLICI

Cosa cambia per i lavoratori dopo il decreto del governo che inserisce i musei tra i servizi pubblici essenziali?  Per proclamare uno sciopero occorre comunicarlo preventivamente,  con un preavviso di almeno 10 giorni. La Commissione di Garanzia si esprimerà sulla legittimità, decidendo anche la sospensione o il differimento dell’astensione. E potrà arrivare fino alla precettazione dei lavoratori interessati, nel caso di effettuazione dello sciopero. I lavoratori saranno esposti al rischio di sanzioni disciplinari anche pecuniarie, fino, nei casi più gravi, al licenziamento. In questo modo saranno evitati i pesanti disservizi a danno dell’utenza, avvenuti recentemente, tanto per citare i casi più noti, al Colosseo o a Pompei.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Emanuele Imperiali

A cura di : Emanuele Imperiali

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)