LEGGE SUI CALL CENTER

Call center, da metafora della schiavitù moderna dei lavoratori a occasione di occupazione sana e correttamente retribuita. I deputati Cinque Stelle presentano una proposta di legge, a prima firma Claudio Cominardi, capogruppo in Commissione Lavoro alla Camera. “Niente piu’ co.co.co. Per il settore puntiamo a contratti a tempo indeterminato. Previste anche maggiori sanzioni e il divieto di percepire incentivi se l’azienda viola proprio le norme su privacy e delocalizzazioni”. Un modo concreto per offrire alle giovani generazioni un’opportunita’ di guardare con maggior fiducia al futuro.

PrintFriendlyPrintEmailWhatsAppOutlook.comGoogle GmailYahoo Mail
Emanuele Imperiali

A cura di : Emanuele Imperiali

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)