JOB ACT AL SUD

image_pdfimage_print

“Il Jobs act ha prelevato 3 miliardi e mezzo dai fondi del Mezzogiorno, ma i risultati si vedono sopratutto sulle economie più forti. Con la conseguenza di trasferire al Nord l’utilizzo di queste risorse che si sarebbero dovuto impegnare per il Sud”. Duro attacco del governatore della Puglia, Michele Emiliano, secondo il quale “ai danni delle aree meridionali si fa un giochetto che dovrebbe far rivoltare l’Italia: non ci consentono di eliminare il cofinanziamento dei fondi europei dal patto di stabilità, così non riusciamo a spenderli”. Solo i numeri dei contratti con Job Act potranno dire se ha ragione o torto.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento