IL LAVORO DOPO EXPO

Garantire un futuro a chi oggi lavora all’Esposizione Universale per non disperdere l’esperienza accumulata. Al direttivo della Cgil Lombardia, è intervento  Juri Sbrana, giovane delegato dei lavoratori a somministrazione di Expo. “E’ importante – ha detto – che i positivi risultati ottenuti con Expo non si vedano solo dai biglietti venduti, ma da quanto sarà capace di generare lavoro”. L’Esposizione potrà diventare un valore aggiunto se offrirà un futuro ai lavoratori, anche grazie ai quali l’evento è un gran successo.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

PRATO, 2 FACCE DEL LAVORO

La scelta del Papa di essere oggi è Prato non è casuale. Dopo l’appello di sabato di Francesco, “vivere in una situazione di disoccupazione, precarietà, lavoro nero, è vergognoso”, il

DRONI CHANCE PER GEOMETRI

Dai droni si stimano 150 mila posti di lavoro per i geometri entro il 2050. Oggi tre geometri su quattro hanno adottato soluzioni digitali a sostegno del proprio lavoro: Geoweb,

CHANCE PER MIGRANTI

Al via in Sicilia un piano per trovare un lavoro ai migranti in Tunisia. Il primo gruppo di 22 giovani, 60% donne, completerà la formazione domani, un secondo gruppo tra

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento