DOMANDE DISOCCUPAZIONE IN CALO

image_pdfimage_print

A luglio sono state presentate 208.328 domande di disoccupazione, il 32,4% in meno rispetto alle 307.990 del luglio 2014. Lo rileva l’Inps. Specificamente, sono state presentate 972 domande di indennità di disoccupazione ordinaria, 286 di mini ASpI e 201.539 di NASpI. Sono state, inoltre, 219 le domande di disoccupazione speciale edile e 5.312 quelle di mobilità. Il totale è pari a 208.328. Sul calo rilevante potrebbe aver influito il fatto che si tratta dei primi mesi di entrata in vigore del nuovo sussidio di disoccupazione nato col job act.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CARIPARMA ASSUME

L’istituto di credito Cariparma assume personale sia in sede sia nelle filiali ed è alla ricerca anche di giovani alla prima esperienza lavorativa per i quali sono disponibili inserimenti in

Firmato il contratto nazionale settore ortofrutticolo ed agrumario

A sei mesi dalla scadenza, finalmente è stato siglato il contratto nazionale per circa 60 mila addetti al settore ortofrutticolo ed agrumario, in prevalenza donne. Il rinnovo entrerà in vigore

L'INDAGINE, 40 MLD E 600 MLN ECONOMIA SOMMERSA

Il lavoro nero che ha prodotto una economia sommersa (retribuzioni che producono ricchezza ma che sfuggono completamente allo Stato) di 40 miliardi e 600 milioni di euro e un’evasione complessiva

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento