Un Dipendente che percepisce l’indennità di disoccupazione con quale contratto può essere assunto senza perdere la relativa indennità ?

 Un Dipendente che percepisce l’indennità di disoccupazione con quale contratto può essere assunto senza perdere la relativa indennità ?
image_pdfimage_print

 … o qualora non fosse possibile e il nuovo rapporto di lavoro non proseguisse, continuerebbe eventualmente a percepire l’indennità di disoccupazione?

La risposta si trova nell’art. 9 del Decreto Legislativo n. 22/2015 e prescinde dalla tipologia contrattuale subordinata che si intende scegliere. Se il reddito annuale derivante dal rapporto di lavoro subordinato e’ superiore al reddito minimo escluso da imposizione fiscale (8.000 euro), il lavoratore decade dalla prestazione, fatto salvo il caso che la durata del rapporto non sia superiore a sei mesi, cosa che comportala sospensione d’ufficio per la durata del contratto. La contribuzione relativa e’ utile ai fini della maturazione dei requisiti e della durata di una eventuale ulteriore prestazione in caso di futura disoccupazione .

Se il reddito annuale derivante da lavoro subordinato e’ inferiore al reddito minimo escluso da imposizione fiscale (8.000 euro), resta il diritto all’indennità che però è ridotta di un importo pari all’80% rapportato al periodo intercorrente tra la data di inizio dell’attività, e la data in cui termina l’indennità o, se, antecedente, a condizione che:

  1. A) il lavoratore comunichi all’Inps il reddito annuo previsto: ciò va fatto entro 30 giorni dall’inizio dell’attività;
  2. B) il datore di lavoro o l’utilizzatore (se c’è un contratto di somministrazione) siano diversi dal datore o dall’utilizzatore per il quale il lavoratore prestava la propria attività quando è cessato il rapporto che ha determinato il diritto alla NASPI o assetti proprietari sostanzialmente coincidenti.

Sul punto si può approfondire con la circolare Inps n. 94 del 12 maggio 2015

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 489 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Si può interrompere “ante tempus” un contratto di lavoro a termine?

Le parti possono recedere unilateralmente da un rapporto di lavoro a termine ma, a queste condizioni: vi deve essere un motivo che giustifica ciò: licenziamento disciplinare, licenziamento per GMO o

Cosa si intende per lavoratori discontinui ?

Assumono la caratteristica di lavoratori discontinui quei prestatori che svolgono la loro attività attraverso un impegno non continui e che, di conseguenza, godono durante l’orario di momenti di inoperosità, oltre

Sa dirmi se un lavoratore con contratto a partita iva come agente di commercio sospende/perde la ASPI?

Nel caso di svolgimento, da parte del beneficiario di NASpI, di attività lavorativa autonoma, da cui derivi un reddito inferiore al limite utile ai fini della conservazione dello stato di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento