OCSE: RIFORME TRAINANO OCCUPAZIONE

Il mercato del lavoro nel nostro Paese migliora perchè sono state fatte riforme importanti, che stanno trainando l’economia. Lo spiega la capo economista dell’Ocse, Catherine Mann, secondo la quale “uno dei principali fattori da cui deriva il ritocco al rialzo delle previsioni di crescita dell’Italia è il miglioramento nella partecipazione della forza lavoro e un aumento dei posti di lavoro, anche se il tasso di disoccupazione è aumentato perchè ci sono più persone attive”.  Sono i primi, positivi riconoscimenti delle novità introdotte col job act.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CONSULENTI DEL LAVORO: PORTALE SICUREZZA SUL LAVORO

Considerando la necessità di contribuire alla riduzione degli incidenti sui luoghi di lavoro, si legge su Italia Oggi, Fondazione UniversoLavoro in collaborazione con la Fondazione studi Consulenti del lavoro e

L'INDAGINE, 15% OCCUPATI LAVORA AL DI SOTTO PROPRIE COMPETENZE

Il 15% degli occupati, in Italia, lavora al di sotto delle proprie competenze, per un totale di circa 3,2 milioni sui 22 milioni di lavoratori occupati nel 2012 in Italia.

GIOVANI SUL LAVORO

Il lavoro per i giovani è finalizzato principalmente al sostentamento economico. Lo sostiene una ricerca dell’Isfol secondo la quale i giovani guardano alla retribuzione più che alla coerenza con il

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento