EUROSTAT, CRESCE L’OCCUPAZIONE

image_pdfimage_print

Nel secondo trimestre 2015 l’occupazione è cresciuta in tutta l’area euro mediamente dello 0,3% rispetto ai tre mesi precedenti. Su base annua l’incremento è dello 0,8% nell’eurozona e dello 0,9% nella Unione Europea allargata. Emerge dai dati diffusi da Eurostat. Fra gli Stati membri i maggiori incrementi dell’occupazione sono stati segnati da Portogallo (+1,3%), Grecia (+1,2%) e Irlanda e Spagna (+0,9%). L’uscita dalla recessione nella Vecchia Europa è ormai una realtà acclarata.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FISCO, CAMBIANO STUDI SETTORE

Addio agli studi di settore. Con gradualità verranno messi a punto, partendo da un ampliamento della sperimentazione, i nuovi “indicatori di compliance” che forniranno “il grado di affidabilità del contribuente”.

FONDIMPRESA SU FORMAZIONE

“Il XVI Rapporto Isfol conferma che la formazione per i lavoratori è un volano dell’economia e del lavoro. Un’opportunità che il Paese non può perdere”. Così Fondimpresa, il Fondo interprofessionale

Lavoro, Poletti: sul salario minimo il governo non interviene

Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti parlando a margine di un convegno della Uil esprime: “Finora con il governo Renzi e quello Gentiloni abbiamo cercato di costruire un punto di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento