IN RIPRESA MERCATO DEL LAVORO

image_pdfimage_print

Migliorano, nel secondo trimestre 2015, tutti gli indicatori sul mercato del lavoro.  In base alle stime dell’Istat, le posizioni lavorative dipendenti nelle imprese industriali e dei servizi sono aumentate dello 0,4% su base congiunturale e dello 0,8% su base annua mentre il monte ore lavorate è cresciuto dello 0,9% e del 2%. L’aumento dell’occupazione ha riguardato prevalentemente i lavoratori dipendenti, a tempo sia indeterminato sia determinato, e interessa con particolare intensità anche il Mezzogiorno, particolarmente colpito dalla crisi in questi anni. Finalmente si comincia a invertire la tendenza dell’economia dopo la lunga recessione.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

PERITI INDUSTRIALI, DAL 2021 LAUREA TRIENNALE PER ACCESSO ALBO

“L’aula di Palazzo Madama ha approvato una norma che sancisce l’obbligo dal 2021 di una laurea triennale per l’accesso all’albo dei periti industriali, prevedendo, nello stesso tempo, un periodo transitorio

CAMUSSO: RIDURRE TASSE SU LAVORO, NO IMU

Ridurre le tasse sulla casa non è una cosa urgente, come, invece, lo è ridurre le tasse sul lavoro. “Preferiremmo che nella legge di Stabilità fosse, piuttosto, inserita la flessibilità

CALDERONE (CUP): "FARE SISTEMA TRA PROFESSIONISTI SULLA FORMAZIONE"

“Dobbiamo imparare a fare sistema, favorendo le sinergie nella formazione. Abbiamo la necessità di lavorare affinchè la formazione continua sia sempre più qualificata, e per puntare al reciproco riconoscimento dei

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento