INGLESI CRITICANO CORTE GIUSTIZIA EUROPEA SU LAVORO

image_pdfimage_print

Dura risposta degli imprenditori inglesi alla sentenza di ieri della Corte di Giustizia europea sugli spostamenti che valgono come orario di lavoro. Le Camere di commercio del Regno Unito puntano il dito contro l’istituzione comunitaria, per una decisione che potrebbe avere un impatto sulle prospettive di business, la creazione di posti di lavoro e la crescita economica in Gran Bretagna. La direttiva europea sull’orario di lavoro, su cui si sono basati i giudici per la sentenza, è fortemente criticata dal premier britannico David Cameron. Come sempre, gli inglesi si dissociano dalle scelte europee, nonostante la decisione giurisprudenziale sia corretta e ispirata a criteri di giustizia retributiva.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

STUDIO UIL SU PENSIONI

Uscire in anticipo potrebbe costare a chi dovrebbe ricevere un assegno da 1.500 euro lordi fino a 2.340 euro l’anno, se si applicasse un taglio lineare del 4% l’anno, che

VIETATO SPIARE SU SKYPE

Il datore di lavoro non può spiare le conversazioni Skype dei dipendenti. Il contenuto di comunicazioni di tipo elettronico o telematico, scambiate dai dipendenti nell’ambito del rapporto di lavoro, gode

SIMONCINI (REGIONI), "CHIARIMENTI SU CPI"

Una serie di dubbi interpretativi sull’attuazione della nuova normativa sullo stato di disoccupazione prevista dal decreto legislativo 150/2015 sono stati risolti dall’incontro di ieri tra una delegazione delle Regioni e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento