OLTRE 286 MILA CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

image_pdfimage_print

Nei primi sette mesi dell’anno i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in Italia di  286.126 unità. L’incremento delle assunzioni risulta superiore alla media nazionale (+35,4%) in Friuli-Venezia Giulia (+85,3%), in Umbria (+66,5%), nelle Marche (+55,4%), nel Trentino-Alto-Adige (+53,3%), in Piemonte (+53,1%), in Emilia-Romagna (+51,1%), in Liguria (+48,3%), in Veneto (+47,4%), nel Lazio (+41,9%), in Lombardia (+40,6%), in Toscana (+37,4%) e in Sardegna (+36,4%). I risultati peggiori si registrano nelle regioni del Sud: Sicilia (+11,2%), Puglia (+17,3%) e Calabria (+18,6%). Ancora una volta e’ nelle regioni meridionali che la ripresa della occupazione langue maggiormente.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INL: verifica ispettiva sull’effettività dei pagamenti con strumenti tracciabili

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha emanato la nota prot. n. 7369 del 10 settembre 2018, con la quale fornisce, ai propri ispettori, ulteriori precisazioni in ordine alle modalità di verifica dell’osservanza

TIM ACADEMY, PRIME SEDI A NAPOLI E FIRENZE

Nasce Tim Academy, “il nuovo polo della conoscenza di Tim che consentirà ai circa 53mila dipendenti del Gruppo in Italia di sviluppare e diffondere le competenze digitali necessarie per sostenere

Istat : lieve flessione prevista per l’economia italiana

Il primo trimestre dell’anno è stato positivo con il PIL in crescita dello 0,3% congiunturalmente, l’ Istat, però, mette in guardia il nostro Paese prevedendo un periodo in cui si

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento