OLTRE 286 MILA CONTRATTI A TEMPO INDETERMINATO

image_pdfimage_print

Nei primi sette mesi dell’anno i contratti a tempo indeterminato sono cresciuti in Italia di  286.126 unità. L’incremento delle assunzioni risulta superiore alla media nazionale (+35,4%) in Friuli-Venezia Giulia (+85,3%), in Umbria (+66,5%), nelle Marche (+55,4%), nel Trentino-Alto-Adige (+53,3%), in Piemonte (+53,1%), in Emilia-Romagna (+51,1%), in Liguria (+48,3%), in Veneto (+47,4%), nel Lazio (+41,9%), in Lombardia (+40,6%), in Toscana (+37,4%) e in Sardegna (+36,4%). I risultati peggiori si registrano nelle regioni del Sud: Sicilia (+11,2%), Puglia (+17,3%) e Calabria (+18,6%). Ancora una volta e’ nelle regioni meridionali che la ripresa della occupazione langue maggiormente.

Sull' autore

Emanuele Imperiali
Emanuele Imperiali 717 posts

Giornalista professionista, ha lavorato all’Ansa, Paese Sera e al Mattino, attualmente è editorialista economico del Corriere del Mezzogiorno. Laureato in Giurisprudenza, si è sempre occupato di economia meridionale, con specifica attenzione ai temi del lavoro. Docente alla Scuola di Giornalismo della Rai di Perugia, ha lavorato, dall'agosto 2006 all'agosto 2007, come esperto per il Mezzogiorno nel governo Prodi. Ha scritto il libro “L’Impresa Giovane” sui casi più significativi di autoimprenditorialità e di autoimpiego nel Sud.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

MATTARELLA: DISOCCUPAZIONE AL SUD

La disoccupazione che penalizza il Mezzogiorno è una delle ferite sociali più gravi per l’Italia. Ma un rilancio è possibile dopo la lunga crisi economica, scrive il Presidente della Repubblica,

CNA, 3.160 DIPENDENTI IN PIU’

Le piccole imprese tornano ad assumere: lo fa un azienda su 7, per cui l’occupazione cresce, da gennaio a settembre, del 2,5%, con il 90% dei contratti stabili. Lo rileva

ALIMENTARISTI, A UN PASSO DAL CONTRATTO

Per arrivare al rinnovo del contratto nazionale dell’agroindustria entro fine novembre, Fai Cisl, Flai Cgil e Uila, sindacati di settore, lanciano alla controparte Federalimentare una proposta: entrare nel merito della

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento